Intervista breve, brevissima – il cinema per un padre di famiglia

FLANEURS TROUPE

À la recherche

Breve intervista a un giovane padre di famiglia con la passione per il cinema. Esemplare molto interessante. La troupe è molto fiduciosa ed entusiasta, speranzosa di raccogliere un’altra testimonianza utile per la ricerca. Ricordiamo che per essere definita “utile” la risposta dell’individuo deve rivelare un sentimento vero e sincero verso il campo artistico in questione, libero da frivole influenze di costume o simili.

L’intervistato risponde ad una semplice, ma neanche troppo, domanda personale, riguardo alla sua passione per il cinema. Procediamo.

  • Caro Signor F., come sta? Innanzitutto la ringrazio per la sua disponibilità e la informo, caro Signor F., che le sarà fatta una semplice domanda riguardo quello che lei hai definito più volte nell’arco della sua esistenza come la sua prima, a sprazzi forse la seconda, vera passione. Non so se lo sa, ma noi ci occupiamo di individui con un interesse sentito per l’arte. Sì, sì, lo so, è diventato un lavoro duro, però qualche rara soddisfazione ce la leviamo anche io e la mia troupe, non possiamo negarlo. La informo inoltre, ahimè, che la sua risposta sarà tagliata nei punti superflui, sintetizzata in quelli non così fondamentali e semplificata nel caso il linguaggio che utilizzerà risulti troppo complicato, o ermetico. Disposizioni che ci sono imposte dai piani alti. Non ci sarà né introduzione, né finale e le chiediamo di rispondere in modo conciso e diretto. Procediamo.
    Allora Signor F., se dovesse descrivere da dove nasce questo debole per la settima arte, da cosa scaturisce, come lo descriverebbe?

Sai quando guardi un film e s’insinua in te un lontano sentore, un presentimento, uno stato d’animo che una certa scena ti suscita? Quando riesci a percepirlo e gli permetti di entrare? ecco, si apre una voragine interiore, da pelle d’oca. Purtroppo altre volte lo lasci lì, a distanza di sicurezza, non ti fai sopraffare da questo richiamo fumoso e troppo leggero, come quando un bambino molto piccolo ti strattona piano per i pantaloni per mostrarti una cosa molto banale, che però lo diverte, mentre tu magari stai parlando con la sua maestra, e gli passi una mano sulla testa come per accontentarlo, per fargli credere che hai visto anche tu il vostro cane starnutire. Ma in realtà non ci dai realmente peso, non gli concedi l’attenzione che meriterebbe. Lo stesso capita con certe riprese e certi dialoghi nei film, dove non ti fai coinvolgere troppo, perché ciò richiederebbe un leggero sforzo che non sei disposto a fare in quei momenti.
Forse hanno ragione Loro, quelli che guardano i film così tanto per, che si intrattengono mentre sono comodamente sdraiati sul loro divano, con una coperta sopra e qualche dolcetto da sgranocchiare, chi glielo fa fare uno sforzo in quel momento? Eppure gli si aprirebbe un mondo, un vuoto dentro la loro pancia verrebbe colmato e così potrebbe accadere altre volte, se imparassero a cogliere quel docile strattone della loro sensibilità. Oh certo, c’è chi deve mettersi la cintura di sicurezza per non lasciarsi prendere troppo dalla sua sensibilità, perché non è portato naturalmente per queste cose, è nella sua indole. E c’è anche chi ha la sensibilità di un palo della luce, o non ce l’ha del tutto. Di conseguenza però rivela la sua inettitudine anche in altri campi, dove non mostra alcuna compatibilità proprio perché non sviluppa questa intelligenza sensibile.

  • “Impara a lasciarti strattonare dai film e non permettere a nessuno di strattonarti a scuola” questa è un pò il suo credo, il suo motto, la sinossi di tutto il suo modo di vedere il mondo, il suo piano inclinato rispetto alla realtà. Fine dell’intervista.

Prima impressione piuttosto soddisfacente. L’individuo sembra nutrire un interesse autentico per l’argomento, anche se presenta dei forti momenti di insicurezza nei confronti del proprio sentimento.

Il risultato finale è rimandato a stasera, dopo la riunione di giornata della troupe.

Leave a Reply