15 ottobre

15 ottobre

By ottobre 15, 2017 Riflessioni No Comments

Qualche volta l’autunno, ovvero quel moderato portinaio dell’inverno chiamato anche, forse in un eccesso di fantasia, l’orefice degli alberi, riserva nelle tasche altrimenti tiepide qualche coriandolo estivo – quasi come un’irrinunciabile e divertita eredità –, un chiarore fresco che tutto l’azzurro oggi ce lo bacia forte addosso. E’ ottobre, ma s’alza ingenuo il soffio caldo sulle tegole tutte del creato, manca il sonno alla corsa delle lucertole, il pomodoro e basilico degli orti stanno increduli nei loro colori, mentre il sole casca gentile sulla bigiotteria morbida delle foglie a terra.
L’inverno sbircia ormai dietro l’angolo del mese prossimo, ma su questo luminoso tappeto giallo-arancio-marrone un cielo sbarazzino ci prende in giro un po’ tutti, e noi coll’insolita carezza sulla pelle stupiti ci caschiamo.

 

(Autunno, o l’orefice delle foglie… è mai eccessiva la fantasia?).

Leave a Reply